Pages Navigation Menu

Indipendenza!

SVILUPPO DELL’INTELLIGENZA E PREDATORI

Posted on ago 21, 2014

  Chi è il più grande criminale alla fine di una guerra? Secondo la versione dei vincitori, i criminali sono sempre i perdenti, mentre nella realtà è vero l’esatto contrario. La fiaba per cui le forze del bene trionfano su quelle del male, fa parte della propaganda, di quella cultura ipocrita della cultura dell’homo sapiens, che ha bisogno di dare spiegazioni e giustificazioni razionali alla propria natura criminale. A cosa serve la formalità, le buone maniere, i bei vestiti, il lusso, lo sfoggio dell’esteriorità, la complessità dei ragionamenti se non a mascherare la vera natura e perversione criminale dell’homo sapiens? Dietro ogni vestito, dietro ogni uniforme, dietro ogni cravatta o abito talare si cela un criminale perverso. Quale è il rapporto fra crimine ed intelligenza? La storia dell’evoluzione illustra con chiarezza il percorso con cui si è arrivati al...

Read More

MODELLI IDEOLOGICI A CONFRONTO: U.R.S.S & U.S.A

Posted on ago 21, 2014

  Perchè l’Unione Societica si è dissolta, perchè tutto il sistema politico è crollato? Gli analisti e storici occidentali, vittime del pregiudizio e della propaganda di chi in sostanza li sponsorizzava, hanno seguito due strade di analisi. La prima quella economica tesa a dimostrare che il modello economico Sovietico era sbagliato e che quindi “per esclusione” quello Usa era corretto, mentre la seconda quella politica tesa a dimostrare che il modello Usa sempre per esclusione era quello giusto. Nessuna di queste analisi si è invece concentrata sulla natura umana, sulla cultura e propaganda. Nessuna di queste analisi si è mai concentrata su questioni che mettono in seria discussione proprio quel sistema da cui arrivavano le critiche. Vediamo di cosa non si è parlato, che cosa le analisi hanno evitato di discutere: -Il modello made in Usa o meglio il...

Read More

INDIPENDENTISMO VENETO: SEPARATISMO O DECOLONIZZAZIONE?

Posted on lug 23, 2014

  Qualcuno forse ha mai parlato di separatismo o di secessionismo quando descrive il processo di decolonizzazione avvenuto dopo la seconda guerra mondiale? Francia, Inghilterra, Italia hanno smantellato le loro colonie oltre oceano, ma il processo nazionalista di annessione, sottomissione e sfruttamento di altri stati e di altre nazioni è iniziato molto ma molto prima. La Catalogna e i Peasi Baschi sono colonie dello stato Spagnolo, chiamate e frammentate dai colonizzatori in regioni. Il Veneto è una parte di uno stato che è stato invaso e sottomesso con l’inbroglio e l’inganno, e che da 150 anni viene sistematicamente sfrutttato dall’attuale Repubblica Italiana e prima dal Regno d’Italia. Parlano i dati economici e non le chiacchere di salotto. Possiamo aggiungere che oltre allo sfruttamento v’è la derisione, l’etnocidio culturale e linguistico, il genocidio (deportazioni fasciste), l’umiliazione e diffamazione di uno...

Read More

LUCA ZAIA: TUTTA LA VERITÀ SUL DILUVIO E CASTELBRANDO

Posted on lug 15, 2014

  Luca Zaia crede di aver messo il punto su un episodio che per lui resta vergognoso, e lo ha fatto avendo adoperato indimidazione, monopolio mediatico, violenza come qualsiasi mafioso, avendo abusato del potere politico lui ed il ministro dell’interno suo amico Roberto Maroni. Fra l’altro Zaia Luca sa bene che la notizia a lui imputata non appartiene e non è stata prodotto da colui che è stato inquisito violentemente. Vediamone insieme i punti: -La GaxetaVeneta.com era proprietà di un suo fedelissimo leghista amico caro di Roberto Ciambetti che comunque è anche lui estraneo ai fatti ma fu fatto avvertire proprio dal proprietario stesso affinchè avvisasse Zaia. Sarebbe bastato chiedere e la notizia (se falsa) sarebbe stata tolta. Ma qualcosa è cortocircuitato, oppure come pare, la volontà di Luca Zaia era quella di silenziare un sito web! Come farlo?...

Read More

INFRASTRUTTURE, SERVIZI, GRANDI OPERE E TASSAZIONE

Posted on lug 7, 2014

  Ve lo ricordate 50 fino a 60 anni fà? Strade, acquedotti, ponti, dighe, scuole, stazioni ferroviarie, municipi, palestre comunali ed infrastrutture di ogni tipo sorgevano ogni giorno. La tassazione era irrisoria, c’era lavoro per tutti, tutti sognavano, nascevano molti bambini, c’erano pochi statali e pochi privilegi. Oggi 2014 la situazione è capovolta. Da oltre 30 anni non vengono più costruite infrastrutture, scuole, dighe, ponti, stazioni etc… Gli impiegati statali sono un esercito di parassiti inutili e dannosi alla società. Non c’è lavoro, non ci sono servizi, per colmare la mancanza di nascite si immettono milioni di immigrati dal centro Africa ed Asia tutti svezzati nelle loro culture di origine. Milioni di persone fanno i pensionati baby da decine di anni. Le aziende chiudono e la tassazione porta molti a chiudere o a sucidarsi. Lo stato italiano è diventato...

Read More

LA BANDIERA VENETA

Posted on giu 13, 2014

  Perchè dobbiamo sdoganare la bandiera Veneta, perché dobbiamo insistere e coprire il Veneto con la nostra bandiera? -La bandiera Veneta non è una bandiera politica: Alcuni partiti tra cui la Liga e la Lega hanno abusato ed adoperato il simbolo del Popolo Veneto per fare campagne elettorali. La politica ha infangato ed adoperato vilmente la bandiera della Repubblica Veneta e la bandiera del Popolo Veneto, fino addirittura a costruirne una Regionale, stuprando di fatto il significato storico della vera bandiera. -La bandiera Veneta rappresenta 30 secoli di storia: La bandiera Veneta rappresenta la storia di un Popolo quello Veneto che da oltre 3.000 anni segna la storia, quella storia che le istituzioni italiane hanno fatto di tutto per cancellare. -La bandiera Veneta ha 15 secoli di storia: La bandiera ha origine quasi 15 secoli fa e raffigura il...

Read More

QUANDO I VENETI VENIVANO DIPINTI COME IMMORALI

Posted on mag 12, 2014

  Ve lo ricordate quando la televisione del regime italiano, la Rai, sottolineava il nero che si faceva in Veneto? Ve lo ricordate quando tutti i giornali dell’invasore italiano recitavano le litanie del Veneto che fa nero, del Veneto che non paga le tasse? Facevano la battaglia per la moralità. Ma questi pennivendoli, questi ipocriti, questi prostituti del giornalismo, facevano finta di no sapere che da Livorno in giù l’economia del nero rappresenta il 90% di quella reale? A quei tempi l’obiettivo del regime italiano era dimostrare l’immoralità del Veneto, si proprio l’immoralità. Il processo di colonizzazione e di sfruttamento dell’altro ha bisogno di disumanizzare gli sfruttati, in questo modo i carnefici si sentono legittimati moralmente a compiere il crimine. Se non basta la legalità, si invoca la moralità e la si costruisce. Nelle persecuzioni ebraiche, la propaganda Europea...

Read More

LE RIVOLUZIONI RELIGIOSE E I CAMBI DI CAMPO

Posted on mag 12, 2014

  Nella storia assistiamo ad alcune straordinarie rivoluzioni religiose, si tratta di vere e proprie scelte di campo asimmetriche rispetto al passato, che rivoluzionano le vecchie teocrazie e visioni della divinità. Si tratta di vere e proprie rivoluzioni ideologiche, di guerre di memi, le quali porrano in situazioni di impotenza i competitori religiosi e culturali Vediamone alcune. -Il Monoteismo ebraico sostitusce il Politeismo che aveva governato l’umanità per millenni. Si tratta di una rivoluzione che metterà in serio imbarazzo l’impero Romano fino a costringerlo per la prima volta a distruggere, o quasi, la religione e luoghi di culto di un intero popolo. L’impero Romano che abbracciava il politeismo globale al fine di garantirsi fedeltà la politica, non sa come affrontare il monoteismo e perde la testa attaccando per la prima volta una religione. -Sempre in ambito ebraico, l’Antropomorfismo che...

Read More

PERCHÈ SPARISCONO GLI ALBERI SECOLARI?

Posted on mag 9, 2014

  Ad Asparetto di Cerea 60 anni fa v’era un olmo così largo che ci viveva dentro un vecchio. Non si tratta di una leggenda ma di un qualcosa di abbastanza normale fino a 150 anni fa. Volete capire quale è la civiltà di un Popolo? Andate a vedere quanti alberi secolari ci sono nei paesi e nelle città! Nel passato, in tutta Europa esistevano migliaia di alberi vecchi di parecchi secoli, popolavano i paesi e città, non occorreva andare nei boschi per trovarli. Nel nord dell’Europa ne troviamo ancora molti di questi alberi secolari, ma nello stato italiano in particolare, con l’avvento del Regno d’Italia e poi con la Repubblica Italiana, questo patrimonio è stato distrutto, calpestato. L’aver distrutto il patrimonio secolare di questi esseri vivventi, l’aver trascurato, l’aver saccheggiato boschi e città senza una politica di reimpianto,...

Read More

LE TAPPE DE L’INDIPENDENTISMO VENETO

Posted on mag 9, 2014

  Illustriamo in modo schematico e breve le tappe salienti dell’indipendentismo veneto, quelle tappe che ci hanno portato ai risultati di oggi. Si tratta di un percorso straordinario avvenuto grazie alla fede incrollabile e alla straordinaria lucidità dei suoi autori principali che hanno trasmesso agli altri la certezza della vittoria. CAPITOLO 1 La scintilla dell’indipendentismo Veneto 2005-2006 Il forum di Raixe Venete Fra il 2005 e il 2006 le figure principali del neonato indipendentismo veneto si incontrano casualmente all’interno di un forum dove da questioni di carattere storico e linguistico, si inizia a discutere in modo approfondito della questione politica veneta ed in particolàr modo di indipendenza. Lodovico Pizzati, Gianluca Busato, Alessia Bellon, Raffaele Serafini, Gianluca Panto, Claudio Ghiotto….. iniziano proprio in questo forum a gettare le basi teoriche dell’indipendentismo. Uno ad uno vengono demoliti i miti italiani, gli...

Read More

L’IDEA INDIPENDENTISTA: frammenti del passato

Posted on mag 9, 2014

Yalta 1945, le potenze di allora disegnavano le mappe del mondo come fecero oltre un secolo prima dopo la sconfitta di Napoleone, e successivamente con i trattati di Versailles alla fine della 1° guerra mondiale. Dall’alto veniva decisa la sorte di migliaia di popoli sulla cui pelle si modificavano i confini e la politica mondiale. Gli ultimi ad essere interpellati, anzi a non essere mai interpellati, sono sempre stati i popoli. A oltre 70 anni da quell’evento, il mondo inizia a cambiare aspetto. Gli stati implodono e vengono sostituiti dalle nazioni, i popoli chiedono di autorappresentarsi senza mediatori e di liberarsi delle catene degli stati nazionali e delle loro ideologie distruttive. L’Unione Sovietica, i suoi satelliti, i Balcani e molti altri in tutto il mondo hanno già subito dei notevoli cambiamenti. E’ venuto il turno dello stato italiano ed...

Read More

IL CORAGGIO

Posted on mag 6, 2014

  August Landmesser nel 1936 ebbe il coraggio di non salutare Hitler. Pur nel bisogno di lavorare e proprio quel giorno in cerca di lavoro con altri come lui....

Read More

UN FRAMMENTO DI INDIPENDENTISMO SICILIANO: PALERMO 1991

Posted on mag 6, 2014

  Era il 1991, Giuseppe Bufalino al tempo un giovane di 22 anni, quando a Palermo in 4 coraggiosi indipendentisti iniziarono a tapezzare Palermo di scritte indipendentiste. Questi coraggiosi lo fecero con spontaneità, senza una profonda educazione politica, lo fecero perchè già 20 anni fa avevano capito e conoscevano la storia della loro terra. Ottennero un risultato straordinario e decine di migliaia di persone manifestarono loro solidarietà. Il tutto venne terminato dalla digos che sequestrò i giovani e con gravi intimidazioni li dissuase. Si aggiunsero poi intimidazioni ed attentati incendiari della mafia che con lo stato ha un rapporto fraterno e fa il lavoro sporco, quello che i pubblici ufficiali non possono fare. Il lieto fine di tutto ciò, è che oggi Giuseppe, questa avanguardia dell’indipendentismo Siciliano, è qui in Veneto che combatte a fianco dei Veneti per la...

Read More

MUNIZIONI E BATTAGLIE

Posted on mag 6, 2014

  La battaglia di Leningrado si concluse con la resa incondizionata dei Tedeschi. Quando i Sovietici chiesero ai Tedeschi di consegnare le munizioni e il cibo, scoprirono che i Tedeschi avevano finito tutto! Questo si chiama combattere, questi Tedeschi sconfitti, hanno dato prova di eroismo, hanno dimostrato al mondo di aver dato tutto, e di essersi arresi solo dopo aver dato tutto. Hanno perso con onore. Allo stesso modo nella guerra moderna per l’indipendenza del Veneto, ogniuno di noi deve combattere le battaglie adoperando tutte le cartucce che ha. Alla fine di ogni battaglia, non dobbiamo avere più alcun volantino, manifesto, busta, locandina, colla…. Vince colui che da il massimo di se stesso, vince colui che si dona alla causa con tutte le sue forze e i suoi mezzi. Questo è essere soldati per l’indipendenza del Veneto....

Read More

REFERENDUM A CONFRONTO 1866-2014

Posted on feb 18, 2014

Quale è la differenza fra il referendum organizzato dal Regno di Savoia nel 1866 e quello organizzato dal Plebiscito oggi nel 2014? La dinamica fu l’esatto contrario di quanto avviene oggi. I carabinieri invasero il Veneto, puntarono le armi sulla popolazione obbligandola a legittimare l’invasione, si tratta dell’esatto contrario del metodo democratico. Noi Veneti, noi Popolo Veneto oggi ne 2014, prima ci riprendiamo la legittimità della nostra libertà in modo visibile, democratico, libero, senza costrizioni, senza intimidazioni tipiche piuttosto di enti come Equitalia…… Illustriamo a confronto le differenze: Nel 1866 i carabinieri invasero il Veneto ed intimidirono la popolazione Nel 2014 osservatori internazionali monitorano che tutto avvenga senza cosstrizioni Nel 1866 le donne non potevano votare e neppure i maschi contadini Nel 2014 possono votare tutti Nel 1866 il voto non era segreto e la popolazione aveva paura Nel 2014 il voto è...

Read More

CARABINIERI: DUE SECOLI DI CRIMINI E NEFANDEZZE

Posted on gen 13, 2014

1814-2014 i carabinieri sempre con il denaro pubblico festeggeranno 2 secoli di incoerenza. Nascono all’inizio del 19esimo secolo come guardia pretoriana del re di Savoia e mantengono questo ruolo di bulldogs del potere e privilegio fino ad oggi. Sono i protagonisti del processo di conquista ed occupazione che porterà alla costruzione del Regno d’Italia. Assieme ai bersaglieri si macchiano di orrendi delitti, stragi, stupri, massacri che finiranno sommariamente per essere descritti come “lotta al brigantaggio”. I popoli del meridione conosco bene il terrore e angherie che l’arma dei carabinieri compie da 150 anni. I carabinieri dirigeranno i falsi referendum sotto minaccia armata un pò in tutta la penisola italica negli stessi modi e forme: Regno di Napoli, Sicilia, Venezia. Si insedieranno sul teritorio paese per paese fino al giorno d’oggi dove perseverano ad occuparlo militarmente con scritte, stazioni, caserme....

Read More

L’ORO DELLA BANCA D’ITALIA ESISTE ANCORA?

Posted on gen 13, 2014

Durante la seconda guerra mondiale l’oro dello stato italiano veniva trasportato su un treno tedesco, ed intercettato in territorio Austriaco dalle truppe Statunitensi, le quali attuarono con il bene placito di Washington, il sequestro, e si impossessarono dell’oro quale bottino di guerra. Questa pagina di storia è ancora censurata dai mezzi ufficiali e gli Stati Uniti d’America perseverano nell’oscurare il saccheggio da loro compiuto, mentre sono estremamente precisi nel descrivere o ingrandire i saccheggi altrui. Fino ad un paio di decenni fa lo stato italiano continuò ad accumulare nuovo oro mantenendo forte l’idea che la popolazione fosse garantita da queste riserve. Fra l’altro se lo stato italiano avesse ancora l’oro nei bunkers di roma, con la sopravalutazione aurifera, lo stato sarebbe diventato 5 volte più ricco negli ultimi 9 anni, mentre ci risulta proprio il contrario. Lo stato italiano...

Read More

BANDIERA ITALIANA: NAZISMO, GRILLISMO, FASCISMO, VATICANISMO

Posted on dic 24, 2013

I blocchi stradali, la protesta dei Forconi, la protesta della Life, la protesta studentesca, la protesta che è scaturita nel mese di dicembre è degenerata ed è finita in mano a nazisti, caregari, cattolici di Comunione e Liberazione ed intifadisti. Quella che doveva essere una protesta senza connotati politici è diventata un mezzo per farsi il partito politico, un mezzo per propagandare un nazionalismo italiano becero quanto inutile, per aiutare la chiesa cattolica nella sua opera parassitaria. I leaders dei Forconi si sono venduti a roma, Chiavegato si sta facendo il partito politico e va addirittura a leccare il culo del papa, di colui che dal 1929 parassita ed interferisce con la politica civile e che rappresenta una delle caste italiane: complimenti Lucio Chiavegato! Il cosidetto movimento dei Forconi è degenerato. Il partito politico di estrema destra (Casa Pound),...

Read More

6 APRILE MOSTRA SULLA CIVILTÀ DEI VENETI ANTICHI

Posted on mar 16, 2013

Palazzo della Regione a Padova 6 aprile viene inaugurata la mostra sulla antica civiltà veneta. Dopo 40 anni, la popolazione veneta potrà rivedere gli oggetti dei nostri antichi antenati. 40 anni fa si parlò genericamente di reperti pre-romani. Per l’archeologia fascista e nazionalista italiana, che vive di romanità e faceva finta di non sapere delle civiltà precedenti, era inconcepibile dover ammettere che il popolo veneto aveva un alfabeto ed una civiltà raffinati molti secoli prima di Roma. Pensiamo solo che fior fiore di archeologi italiani blasonati definivano il nostro alfabeto “graffiti”, quando in tutto il resto del mondo si parlava già di alfabeto. Il teorema nazionale italiano pretende che la civiltà nasca con Roma e cosa ancor più ridicola, che l’Italia nasce con Roma. Secondo l’ideologia nazionale italiana (quella che si insegna a scuola), l’Italia esisteva già 2500 anni...

Read More

BERGOGLIO JORGE PAPA FRANCESCO E LA CENSURA DEL SUO PASSATO

Posted on mar 14, 2013

  Chi è andato a cercare informazioni in lingua inglese trova quello che in lingua italiana la stampa di regime pagata con i vostri soldi e persino la wikipedia italiana, censurano. Già in lingua inglese da parte di alcuni è notata una serie di autocensure. La verità verrà fuori, tutta e Bergoglio dovrà fare i conti con un passato dove è compartecipe di crimini in quanto forte supporter del terribile regime argentino causa di decine di migliaia di morti. Si trattava di giovani studenti, di gente che non si allineava ai dettami filo Usa che la giunta militare appoggiava. Scrittori, studenti, giornalisti, uomini politici venivano sequestrati dalle loro abitazioni, torturati, fucilati o gettati dall’alto degli aeroplani in mare o nella foresta. Desaparecidos, così li chiamano ancor oggi. Quei morti sono la testimonianza che pesa sulla testa di quello che...

Read More

LE TAPPE DELL’INDIPENDENTISMO VENETO

Posted on feb 13, 2013

  Illustriamo in modo schematico e breve le tappe salienti dell’indipendentismo veneto, quelle tappe che ci hanno portato ai risultati di oggi. Si tratta di un percorso straordinario avvenuto grazie alla fede incrollabile e alla straordinaria lucidità dei suoi autori principali che hanno trasmesso agli altri la certezza della vittoria. 2005-2006 forum Raixe Venete Fra il 2005 e il 2006 le figure principali del neonato indipendentismo veneto si incontrano casualmente all’interno di un forum dove da questioni di carattere storico e linguistico, si inizia a discutere in modo approfondito della questione politica veneta ed in particolàr modo di indipendenza. Lodovico Pizzati, Gianluca Busato, Alessia Bellon, Raffaele Serafini, Gianluca Panto, Claudio Ghiotto….. iniziano proprio in questo forum a gettare le basi teoriche dell’indipendentismo. Uno ad uno vengono demoliti i miti italiani, gli stereotipi sui veneti, i pregiudizi dell’etnonazionalismo veneto. Si...

Read More

CARABINIERI E BERSAGLIERI ITALIANI: INFAMI ASSASSINI

Posted on gen 27, 2013

  Uno fra i molti episodi che contraddistinguono i carabinieri e i bersagliari e ci danno un idea di quanto onorati e gloriosi siano questi corpi, è quello del massacro di Pontelandolfo (5000 civili) e Casalduni(2000 civili), capitanato dal colonnello Pier Eleonoro Negri originario di Sandrigo e decorato addirittura medaglia d’oro al valor militare! In piazza Santo Stefano a Vicenza si può ancora vedere la targa in ricordo di quest’uomo a cui ogni anno le autorità italiane rendono omaggio. Vediamo un pò che cosa ha compiuto costui al comando dei prodi macellai dell’esercito italiano. Il 7 agosto 1861 l’esercito italiano nel tentativo di reprimere chiunque non accettasse di buon grado l’invasione e vessazione italiana, decide di sedare le ribellioni di intere città dove la popolazione si era ribellata alle sevizie dei soldati e all’oppressione fiscale dei politici italiani da...

Read More

I SERENISSIMI HANNO DANNEGGIATO L’INDIPENDENTISMO

Posted on gen 27, 2013

A posteriori, l’analisi del gesto degli uomini armati che hanno occupato il campanile di Venezia nel maggio del 1997, rivela di essere stata un grave danno per tutto l’indipendentismo, e di aver quindi ritardato il processo indipendentista di almeno un decennio. Per molti, i Serenissimi, sarebbero degli eroi, per i nazionalisti italiani invece dei nemici, per noi degli sciagurati. Prima di agire, prima di dar battaglia, bisogna chiedersi che cosa è conveniente fare per vincere la guerra il prima possibile con meno perdite possibili? Se i serenissimi si fossero fatti questa domanda, se avessero avuto il minimo acume strategico, si sarebbero resi conto che la lotta armata, o l’istigazione alle armi, erano la via sbagliata del momento, come lo sono ancora oggi. Ciò che vuole, l’unico campo di battaglia in cui lo stato italiano sa combattere è quello del...

Read More

DUE GUERRE: MORTI PER NIENTE?

Posted on gen 20, 2013

Tutti i morti della prima e seconda guerra mondiale, sono morti per nulla? la risposta da dare è semplice: “Gli operai ed artigiani che 100 anni fa hanno costruito una casa che ora è inutile e viene abbattuta per costruirne una nuova, hanno lavorato per nulla?” Se i giovani morti mandati al massacro nella prima e seconda guerra mondiale non fossero degli eroi, allora dovremmo ammettere che chi li comandava è un criminale e l’ideologia per cui sono morti è un’ideologia dannosa all’umanità. Chiamare eroi quei poveracci, quei disgraziati morti per nulla, equivale ad assolvere l’ideologia per cui sono morti ed i loro propagatori. Chiamare eroi quei ragazzi equivale a giustificare i comandanti e i burattinai del nazionalismo italiano. Morti per nulla, ecco la tragica verità, anzi morti per una sola cosa: “testimoniare la follia nazionalista italiana che ha...

Read More

ANCHE I TESTIMONI DI GEOVA VOTERANNO INDIPENDENZA VENETA!

Posted on gen 20, 2013

    Indipendenza Veneta non ha pregiudizi, non fa politica, non discrimina perchè non è allineata con alcun partito. Indipendenza Veneta lotta esclusivamente per l’Indipendenza del Veneto. Per queste ragioni tutti voteranno Indipendenza Veneta, perchè vuol dire aiutarsi, vuol dire scegliere per stare meglio. Molti testimoni di Geova che in genere non votano, scenderanno in campo e daranno il voto in massa ad Indipendenza Veneta. Si parla di una comunità che nel solo Veneto si aggira a circa 250.000 unità. Si tratta di una comunità molto operosa della nostra terra, gente che compie lavori manuali, che si trova ogni giorno a combattere con difficoltà e contro uno stato italiano che impedisce l’operosità e la voglia di intraprendenza che questa comunità ha. Ci si aspetta che per la prima volta la comunità dei Testimoni di Geova entri in campo e...

Read More
LAVORIAMO PER TE, AIUTACI AIUTATI
advertisement