Pages Navigation Menu

Indipendenza!

CI DEVONO PAGARE I RIFIUTI!

CI DEVONO PAGARE I RIFIUTI!


Quando andiamo a comperare del cibo, una buona parte del costo è rappresentato dal materiale che lo avvolge. Noi questo materiale lo paghiamo e anche càro. Questo succede perchè il mercato in cui viviamo è fatto per creàre cose inutili che mandano su i costi. E’ un modo perverso di creare lavoro inutile per toglier più soldi dalle vostre tasche. Proprio per questo, quando smaltiamo i rifiuti, nessun sindaco dello stato italiano si è mai sognato (fanno finta) di dìre che quei rifiuti valgono soldi. Addirittura ci dicono di differenziarli così ne aumentiamo il valore. In parole semplici, questi raccoglitori e reciclatori, si ritrovano milioni di tonnellate di materia prima già separate ed ammucchiate e devono solo andarsela a prendere. Un kg di plastica reciclata costa sul mercato più di 1 euro! Un kg di ferro reciclato costa sul mercato più di un euro! Andate addirittura col vostro ferro da un qualsiasi commerciante di usato e vi darà sull’unghia 25 centesimi al kg. L’alluminio, l’ottone, il rame, hanno costi molto più alti.

Tutti guadagnano tranne voi che siete cittadini. Anzi la beffa è che vi tocca addirittura pagare per reciclare dei rifiuti che valgono denaro. Ecco la truffa che i Comuni fanno alle vostre spalle.

Ma allora perchè i sindaci ladri dello stato italiano ci fanno pagare le tasse sulla raccolta dei rifiuti? E’ semplice, perchè dovete pagare, perchè queste aziende che fanno la raccolta e reciclo corrompono in modo sottile segretari, sindaci assessori e personale all’interno dei comuni. I sindaci fanno cassa, magari prendono qualche regalino, i raccoglitori e reciclatori straguadagnano. E’ chiaro che i ladri non sono solo a Roma, ma questa malattia ha contagiato tutti i politici fino all’impiegatuccio più basso di ruolo.

468 ad

One Comment

  1. Giusto, nulla da dire!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LAVORIAMO PER TE, AIUTACI AIUTATI
advertisement