Pages Navigation Menu
incontri bakeka ravenna

Indipendenza!

I BUCHI DELL’INPS: NON AVRETE LA PENSIONE

I BUCHI DELL’INPS: NON AVRETE LA PENSIONE


Nello stato italiano ci sono circa 20 milioni di pensionati che riscuotono circa 30 milioni di pensioni.

Si perchè in molti hanno la pensione del marito morto, quella di invalidità, l’accompagnatoria…..

Non è comunque l’argomento del nostro articolo. Passiamo invece a quanti pensionati muoiono ogni anno e quindi a quante pensioni in meno si debbono dare. La crescita delle aspettative di vita, ha portato la vita di un pensionato a circa 85 anni. In pràtica chi è andato in pensione a 60 anni, ciuccierà per almeno 25. Vuol dire che ogni 25 anni, c’è un ricambio. In conclusione ogni anno crepano 800.000 pensionati per un totale di 1 milione e duecentomila pensioni in meno da erogare.

Ripetiamo: Mario Monti e la banda di farabbutti ogni mese, ha 100.000 pensioni in meno da erogare. Il governo Nell’autunno del 2011 ha deciso di alzare l’età pensionabile a quasi 70 anni. Interpretiamo meglio questa decisione: “siccome non ci sono i soldi per pagare le pensioni, allora impediamo alla gente di andare in pensione”. Non vi diranno mai che non ci sono i soldi per le pensioni, vorrebbe dire il panico, vorrebbe dire che chi ha accettato la schiavitù per 40 anni, ha mandato giù ossi per niente, è stato imbrogliato dall’italia.

Facciamo bene i conti: il governo italiano blocca 400.000 nuovi pensionati e dimpedisce loro di ricevere la pensione; allo stesso tempo muoiono vecchi per un totale di 1.200.000 pensioni. Si tratta quindi di un buco di circa 1.800.000 pensioni che l’Inps non è in grado di dàre perché non ha i soldi. Non è finita: le riduzioni sulle pensioni ammontano a circa un 5% che equivale circa ad un valore corrispondente ad un altro 1.500.000 pensioni. Per ora lasciamo perdere la pressione fiscale su tutto il resto che serve anch’essa a tappare i buchi dell’Inps.

Concentriamoci sul buco ineludibile ed innegabile dell’Inps: 1.500.000 + 1.800.000 pensioni per un totale di 3.300.000 pensioni. Questo è il buco minimo che l’Inps ha oggi. Questo buco cresce di almeno 1.000.000 di pensioni all’anno e con la crisi economica e sfacelo dell’economia italiana, le cifre potrebbero salire di molto.

Ci siamo capiti: l’Inps ha già un buco che convertito in una media di 1000 euro mese pensione, equivale a circa 37.000.000.000. Si tratta di una cifra sicuramente in difetto. L’Inps non ha alcuna cassaforte, non ha alcun fondo, può solo massacrare la vera economia per dare ai pensionati quello che non hanno mai messo via o che si sono mangiati negli anni passati. Si sta scaricando sui giovani questo peso precludendo a loro addirittura di goderne i frutti, della serie: “lavorate per gli altri che vi lasceranno solo una valle di lacrime”.

Dai 61 anni in giù, non c’è più alcuna speranza se non quella di fare sacrifici per garantire i privilegi a chi ne ha da 62 in su.

468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LAVORIAMO PER TE, AIUTACI AIUTATI
advertisement