Pages Navigation Menu

Indipendenza!

INDIPENDENTISMO E CAMBIAMENTO

INDIPENDENTISMO E CAMBIAMENTO

subitoOrmai l’orizzonte è visibile. L’indipendenza del Veneto è a pochi passi, il crollo apocalittico dello stato italiano inevitabile. Le domanda da farsi è: “Guadagneranno di più i Veneti che si prendono la loro libertà, oppure quei popoli che ricostruiranno da zero la loro indipendenza sulle ceneri dell’Italia?”.

Indipendenza vuol dire solo un passaggio di poteri da Roma a Venezia in cui le lobbies instaurate dalla Lega Nord, dalla Liga, dal Pdl, dai Comunisti, rimarranno le stesse? Zaia, Galàn, Tosi, Gobbo, Schneck continueranno a scambiarsi sedie, consigli di amministrazione, cooperative, autostrade. Continueranno a socializzare costi e a privatizzare profitti?

I notai continueranno a vessare la popolazione? I prefetti, i segretari, i carabinieri, i magistrati continueranno a mungere in Veneto assieme alla chiesa cattolica romana?

Il problema non è solo l’indipendenza, con l’indipendenza debbono andarsene a casa tutti e debbono cambiare molte cose, deve cadere la rete di privilegi bancari, politici, religiosi, militari, che come un cancro fa morire la società.

Bisogna evitare che l’indipendenza del Veneto sia solo un passaggio di testimone fra lobbisti, fra gentaglia che ripropone e vuole mantenere il modus facendi italiano anche nella nuova Repubblica Veneta. Indipendenza deve voler dire di farla finita con tutta una classe politica oggi ancora infiltrata in ogni struttura politica ed economica tesa a socializzare i costi con la scusa del bene comune e che invece privatizza il profitto per arricchimento personale.

Se non vi sarà un reale cambiamento, è meglio perire con lo stato italiano e fare tabula rasa di tutti i privilegi e privilegiati.

468 ad

One Comment

  1. ma è proprio perchè non si riuscirà mai a fare tabula rasa dei privilegi e dei privilegiati (in loro soccorso interviene anche l’alta corte per garantirgli i diritti acquisiti!), che bisogna lasciarli nel loro brodo e farci uno stato indipendente, dove a decidere le nuove regole saremo noi, e ogni carica sarà a tempo limitato..

Rispondi a caterina Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LAVORIAMO PER TE, AIUTACI AIUTATI
advertisement