Pages Navigation Menu

Indipendenza!

ISLAM CONTRO CRISTIANESIMO O RELIGIONE CONTRO RAGIONE?

ISLAM CONTRO CRISTIANESIMO O RELIGIONE CONTRO RAGIONE?


E’ giusto adoperare solo metodi democratici contro chi vuole eliminare la democrazia?

Diamo per scontato (cosa non vera) che le democrazie occidentali siano compiute, ed analizziamo quello che sta succedendo nello scontro fra civiltà che sta avvenendo fra occidente e mondo islamico.

Sottolineiamo “scontro di civiltà” perchè è proprio questa terminologia che si cerca di censurare, ma nella sostanza è proprio uno scontro fra due modi differenti di concepire i rapporti sociali, economici, sessuali, politici, religiosi,….. che è nella sostanza quello che noi chiamiamo civiltà. Non è uno scontro fra religione cristiana e musulmana, ma fra ragione e pregiudizio. E’ uno scontro della stessa natura di quello che sta avvenendo in Europa da secoli, secoli in cui ci si è in buona parte liberati del pregiudizio cattolico romano e dell’oppressione e negazione di libertà fondamentali che anche gli adepti della religione cattolica romana hanno oscurato.

L’Europa ha incominciato a conoscere la luce della ragione un pò prima che fosse istituita l’inquisizione cattolica. L’inquisizione è la reazione delle ideologie pregiudizievoli contro la ragione, contro la diversità, contro il riconoscimento della fallacità, contro gli istigatori del dubbio, contro gli scienziati, contro i lumi della ragione, e l’umiltà di riconoscersi ignorànti. Questo scontro tra pregiudizio e ragione, non è ancora terminato e lo dimostra il fatto che le sette religiose (da quella cattolica a quelle più piccole) hanno ancora molta influenza sulla cultura, sulla politica, sull’educazione in Europa ed in mòdo ripetuto entrano in conflitto con le richieste di modernità dei cittadini. Se invece andiamo a vedere la situazione in buona parte del mondo islamico, ci accorgiamo che questo scontro è appena iniziato, anzi, in certi luoghi non è mai cominciàto.

La lotta al pregiudizio iniziata nei secoli addietro, ha portato l’Europa ad una serie di conquiste sociali di gran portata, come ad esempio: le libertà sessuali, la parificazione degli essere umani indipendentemente dal loro credo ideologico, razza, e appartenenza sessuale o etnica. L’Europa si è parzialmente laicizzata, che tradotto vuol dìre “parzialmente liberata dal pregiudizio religioso”, l’islam no. In Europa c’è ancora da lavorare per smantellare il pregiudizio, ma molto è stato fatto e si fa. Ma che cosa dìre di un Islam dove governano ancora le teocrazie e si adopera un libro di fiabe per governare la popolazione?

Il divario civile fra le culture islamiche e quelle Europee è grànde. Possiamo dire, con una certa generalizzazione che: fra Occidente e Islam esiste una frattura che ogni qualvolta si cerca di colmare affiorano conflitti. Lo scontro fra la società civile Israeliana e quella pregiudizievole Palestinese sono il micro conflitto che si genera quando la civiltà occidentale entra in contatto con quella mediorientale.

Premesso ed accertato che esiste un conflitto di civiltà fra due mondi e culture, spostiamo l’asse di analisi sulle dinamiche e metodi di lotta.

Nell’azione, l’Islam pregiudizievole, lancia anatemi, taglia gole, si adira quando si descrive che il Corano è un libro di fiabe, inpicca gli omosessuali, lapida le adultere….. ma non disdegna di adoperare anche il suffragio universale e i metodi occidentali quando non può farne a meno o quando gli fa comodo. Il càso Svedese in cui si è cercato di limitare la libertà dei nuddisti con un referendum è emblematico. L’Islam approfitta delle libertà democratiche per togliere le libertà all’occidente. Nessuno 30 anni fa avrebbe mai pensato che la crescita demografica delle comunità islamiche in europa avrebbe portato all’abrogazione di libertà individuali come il nuddismo. Badate bene, siamo solo all’inizio. Il pregiudizio religioso porta all’assolutismo, alla teocrazia.

Che armi può adoperare l’occidente per difendere la civiltà raggiunta in secoli di lotte, quella civiltà che grazie alle ondate immigratorie e al buonismo occidentale sta per essere sopraffatta?

La risposta dell’occidente è mista, incoerente a tratti incerta. nessuno osa formulare, tutti minimizzano, ma l’islam avanza e con il suo pregiudizio e spregiudicatezza cerca di portare e obbligarci alla sua civiltà.

Gli Usa hanno iniziato una guerra silenziosa, illegale (Guantanamo, droni volanti, operazioni di invasione, torture, omicidi…) come risposta e confronto. La civiltà Islamica ha portato l’occidente a violare i suoi stessi principi, a violare i diritti umani, a fare ciò che non è autorizzato e ciò che lui stesso proibisce. Si tratta forse di un paradosso? La lotta senza regole dell’islam, ha portato l’occidente al paradosso alla disperazione.

La lotta per la civiltà ci incivilisce?

Ma è implicito in ogni civiltà che proprio la sua stessa sopravvivenza è legata ad una serie di priorità. Vogliamo sopravvivere o farci sopraffare ed accorgerci delle libertà perse solo quando non le avremo?

Dobbiamo forse accettare di farci governare da gente che crede nei libri di fiàbe e che ce li vuole imporre come verità? Non ci sono bastati secoli di oscurantismo cattolico romano? Vogliamo ripiobare in un altro medioevo, questa volta islamico?

Il buonismo, l’umanitarismo, questa compassione a cui ci educano fin da fanciulli, ci porta ad abbracciare questi immigrati, questi virus letali portatori di una cultura che non ci appartiene, di una cultura fagocitatrice di ogni libertà e conquista. Il nostro non deve essere razzismo pregiudizievole, ma solo un chiaro e resoluto: “no all’inciviltà del pregiudizio religioso e si all’umiltà del dubbio e della ragione”.

La scelta è perire o combattere, cercare di sacrificare i principi per il realismo sperando di non abbruttirci come loro.

468 ad

One Comment

  1. Spero solo che prima o poi ci libereremo da tutte le religioni che sono catene della ragione!

Rispondi a Luca Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LAVORIAMO PER TE, AIUTACI AIUTATI
advertisement