Pages Navigation Menu

Indipendenza!

LA CASSAFORTE DELL’INPS NON ESISTE

LA CASSAFORTE DELL’INPS NON ESISTE

 


Da più parti i pensionati o pensionandi continuano ad insistere che i soldi dei contributi versati negli anni passati, si trovano in un grande forziere a Roma. Ci sono decine di milioni di persone che credono a questa panzana e che sono convinti che l’istituzione chiamata Inps, sìa la custode di questo gruzzolo. Senpre secondo l’immaginario di questo esercito di vecchi, ogni mese l’Inps preleva questo denaro e lo versa sotto forma di pensione. Il corollario è semplice da formulare: “Noi pensionati siamo pagati con i soldi che abbiamo versato”. Stiamo parlando di 20 milioni di persone 1/3 della popolazione dello stato italiano.

Su questo assunto, l’assunto del forziere pieno zeppo, si basa la fiducia e spiegazione che ogni vecchio, pensionato o pensionando, dà quando si mette in dubbio che i soldi che percepisce non siano i suoi.

Diciamolo una buona volta, l’Inps, negli ultimi 40 anni ha preso i soldi dei contributi per elargire pensioni a destra e a manca. Pensioni uguale voti, uguale tessere, uguale consenso, uguale fidelizzazione.

Questa cassaforte non è mai esistita.

Come è giusto sia, ogni pensionato deve avere di pensione i soldi suoi, quelli che con grande fiducia ha versato (obbligatoriamente) all’Inps, niente di più, niente di meno. A ogniuno il suo.

Ma se non ci sono più soldi, se anzi l’Inps li ha bruciati e non ha mai avuto una cassa, non ha mai avuto un fondo vero, chi sta pagando le pensioni? Da dove vengono reperiti i soldi per pagare questo esercito di vecchi inutili e parassiti?

La realtà è agghiacciante. Le generazioni giovani sono costrette a pagare un carico contributivo che non rappresenta la futura pensione, ma le necessità immediate dell’Inps di pagare 20 milioni di pensionati. L’Inps è dissanguato, indebitato, e per aiutarlo a pagare, lo stato italiano continua ad aumentare i prezzi dei beni monopolio come l’energia, l’iva, le tasse, l’imu…tutto.

L’Inps e i suoi dipendenti hanno imbrogliato milioni di persone che adesso pretendono di ipotecare il futuro dei giovani, ma che invece dovrebebro chiedere i loro soldi a chi li hanno versati negli anni passati. I pensionati stanno parassitando l’economia reale e la spremono. Vadano dall’Inps e si facciano dare la cassaforte. A ogniuno il suo ne più ne meno, e chi ha rubato, promesso e imbrogliato restituisca o venga appeso.

I vecchi la smettano di pretendere che le generazioni giovani continuino a pagare per le loro pensioni.

La cassaforte a roma non è mai esistita, non esiste neppure alcuna riserva aurifera, non c’è più niente. I pensionati sarannoi nuovi poveri ed è giusto così. Giovani, unitevi e ribellatevi contro la classe sociale pensionata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LAVORIAMO PER TE, AIUTACI AIUTATI
advertisement