Pages Navigation Menu

Indipendenza!

L’INCANDIDABILITÀ DEI CRIMINALI: UNA LEGGE INFAME

L’INCANDIDABILITÀ DEI CRIMINALI: UNA LEGGE INFAME


Giuseppe Grillo e i comunisti hanno spinto per l’approvazione di una legge sull’incandidabilità alle cariche politiche di chi è condannato. Questo ci permette di capire quale concezione della dmeocrazia alberghi nelle menti di questa gente.

Che cosa è un criminale secondo lo stato italiano? E’ criminale colui che compie dei reati. Esistono reati di natura civile e penale. In genere i reati civili almeno per il momento non vengono menzionati. La nuova legge che lo stato italiano sta per approvare riguarda i reati penali. Bene, andiamo a vedere che cosa può essere un reato penale: guida di un automobile dopo aver bevuto un bicchiere di vino, bestemmia in luogo pubblico, un vostro operaio si fa male in fabbrica, scrivete una cosa non dimostrabile sul web, non pagate le tasse, scrivete o dite che il presidente della repubblica italiana è un ladro o dite che il capo di stato vaticano è uno che favorisce la pedofilia, parlate male dei carabinieri, gridate ad un prete che racconta fiabe mentre fa la predica…….. insomma, la quantità di reati penali basati sulla parola e scrittura sono innumerevoli. Il 30% dei condannati per reati penali nello stato italiano è di natura ideologica o fiscale. In pratica sono dei criminali persone che compiono reati fiscali contro lo stato o scrivono e dicono contro lo stato e di suoi amici.

Essere dei criminali, nello stato italiano vuol dire in molti casi, essere dei cittadini che partecipano attivamente alla vita politica ed economica. Voler cambiare le cose in un sistema massonico dove chiesa, esercito e politici vessano la popolazione, la sfruttano e sottomettono, vuol dire essere dei buoni cittadini e non degli ineleggibili. Lottare per i propri diritti è un diritto naturale, è piuttosto il sistema che vi impedisce di far valere le libertà individuali e collettive ad essere criminale.

Veniamo ora al caso del drogato, dello spacciatore, del ladro, dell’omicida e persino del corrotto…

Le ragioni per cui qualcuno delinque, sono infinite, nobili e meno nobili dipende dai punti di vista.

E’ nobile rubare per fame, è meno nobile rubare per avidità? E’ più criminale uccidere un soldato che si macchia genocidio e strage oppure fare genocidi o stragi? Potremmo continuare per ore.

C’è poi da dire: e dopo che qualcuno è stato condannato ed ha pagato il conto allo stato italiano e alla sua banda di criminali e ipocriti con la toga ed uniforme, perchè deve ancora pagare? E poi chi ci dice che qulacuno non cambi le sue vedute?

Una legge che rende ineleggibile chi è stato condannato crea gravi premesse per una discriminazione su larga scala della popolazione. Per mettere fuori giuoco Berlusconi, i magistrati comunisti fanno leggi razziste discriminatorie di una gravità inaudita.

Chi ci dice che fra qualche anno si incomincierà a decretare l’ineleggibilità nei confronti di chi ha fatto una scritta su un muro, di chi ha effettuato un infrazione automobilistica?

468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LAVORIAMO PER TE, AIUTACI AIUTATI
advertisement