Pages Navigation Menu

Indipendenza!

L’INDIPENDENZA DEL VENETO SI OTTIENE CON L’ESERCIZIO PACIFICO

L’INDIPENDENZA DEL VENETO SI OTTIENE CON L’ESERCIZIO PACIFICO

 

Indipendenza Veneta

Nel Veneto di oggi ci sono innumerevoli gruppi e gruppuscoli di indipendentisti.

C’è chi vende carte di identità e convince la popolazione che con un pezzo di carta chiamato “identità” si diventa indipendenti e che basta andare a New York e ti danno l’indipendenza. L’indipendenza non te la da nessuno, la devi esercitare con l’azione.

C’è invece chi, dopo 20 anni, non ha ancora capito un cazzo e continua a saldare lamiere per fare tanki assieme a molti fessi che ci vanno dietro, e non hanno capito che una Repubblica moderna si fa con il consenso e non con il flessibile e la saldatrice o il colpo di stato.

Poi ci sono quelli che prendono in giro la popolazione con la raccolta firme, per cosa?

Qualche fesso di avvocato addirittura incanta la popolazione con il referendum istituzionale al solo scopo di guadagnarsi una sedia del potere. Proprio costui sa bene che non è il Consiglio Regionale l’organo supremo che decide, ma il Popolo Veneto. Sappiamo anche bene che i politici della Regione Veneto vivono solo per il profitto e privilegio personali e si vendono come prostitute al potere italiano.

Ma allora quale è la via giusta, come si ottiene la piena Indipendenza del Veneto? Invece di fare tanki, di infinocchiare carte di identità, o raccogliere firme, facciamo analisi serie e capiamo prima le proprietà, gli attributi che permettono di parlare di Indipendenza.

Le caratteristiche per la piena INDIPENDENZA di uno stato so 3: LEGITTIMAZIONE, ESERCIZIO, RICONOSCIMENTO.

E se ne hai una sola o due? Non si può parlare di piena Indipendenza. Facciamo degli esempi?

-Esercizio e Legittimazione senza Riconoscimento

Il caso del Nagorno Karabagh è perfetto. Si tratta di una entità geopolitica nata dopo il collasso dell’Unione Sovietica, che esercita pienamente la sovranità all’interno dei suoi confini e legittimata dal popolo con voto popolare, in cui esiste un esercito, un parlamento e qualsiasi struttura interna che caratterizza uno stato moderno: confini, polizia, capitale, tribunali, poste, ospedali, scuole, università, istituzioni di qualsiasi genere. Eppure il Nagorno Karabagh non viene riconosciuto dagli stati del mondo e se guardate sulle mappe non lo segnano neppure come uno stato. Il caso Crimea è molto simile.

-Riconoscimento senza Esercizio e senza Legittimità

In genere accade per i governi fantoccio in esilio o provvisori. Gli Usa mantengono spesso questi tipi di governi e li inseriscono una volta effettuati i golpe oppure dopo le invasioni militari. E’ il caso di molti regnanti o presidenti scacciati destituiti e fuggiti durante una rivoluzione o golpe.

-Riconoscimento ed Esercizio senza Legittimità

Tutti quegli stati dove il Popolo non ha mai potuto esprimersi con un referendum popolare e regolare: Vaticano, Iraq, Iran….la lista è enorme e riguarda non solo molti stati definiti democratici, ma praticamente tutte le monarchie assolute e stati totalitari

-Legittimazione senza Riconoscimento e senza Esercizio

E’ il caso del Veneto che con il Referendum Popolare Veneto del marzo 2014 ha legittimato la Repubblica Veneta. Il Referendum Popolare è lo strumento con cui l’organo supremo del Popolo Veneto si esprime (il Popolo Veneto stesso), e questo concetto è chiaro nel diritto internazionale e praticamente in tutte le costituzioni moderne del mondo. Il Popolo deve poter decidere e non solo essere consultato. Il Popolo non delega ma vota e decide che cosa vuole senza mediatori e senza discussioni. E’ probabile che la Catalogna dopo il Referendum si troverà ben presto nella stessa situazione della Repubblica Veneta di oggi.

Diventa chiaro con questi esempi che cosa vuol dire Indipendenza, cosa che purtroppo, pochi indipendentisti e praticamente nessun venetista ha capito. Il male più grande del venetismo e dell’indipendentismo Veneto è l’ignoranza mescolata all’ambizione personale.

Quale delle 3 è la caratteristica più importante (legittimazione, esercizio, riconoscimento)?

Parliamoci chiaro: che cosa ce ne facciamo della libertà se non ci togliamo le catene? Bello fare la dichiarazione di indipendenza, giusto farla con il consenso maggioritario del Popolo Veneto, bello anche se ti riconoscono gli altri stati. Tutto questo serve come contorno, ma la sostanza non cambia fino a che sei costretto a subire le angherie dell’invasore, fino a che sei costretto a pagare le tasse all’Italia, fino a che sei costantemente minacciato dalle autorità dell’Italia, finche sei umiliato, sfruttato, finche vieni quotidianamente brutalizzato in nome e per conto della Repubblica Italiana e dei suoi dipendenti servi.

Quello che serve più di tutto è l’ESERCIZIO DELLA SOVRANITÀ, che può essere giustificato in modo civile proprio grazie al referendum popolare fatto fra il 16 e 21 marzo del 2014. E’ un pò come quando ottieni la licenza per esercitare un’attività economica, hai tutte le carte in regola, ma devi agire, devi ripulire la tua bottega, possibilmente agire per sgomberarla da qualche abusivo, devi lavorare per te e non per altri.

Bisogna esercitare, bisogna delegittimare le istituzioni italiane non pagando e non ubbidire più alle leggi inique di uno stato illegale ed immorale, che adopera la legalità per commettere crimini.

Ecco perchè non facciamo un appello alle armi, ma istighiamo le coscienze dei Veneti alla moralità, istighiamo i Veneti a ribellarsi ad uno stato invasore immorale fatto di bruti incravattati ed in divisa che vivono di immoralità vestita di legalità che permette loro privilegi e viola quotidianamente il diritto naturale ed i diritti dell’uomo.

In conclusione bisogna agire, bisogna disubbidire, bisogna obiettare, bisogna delegittimare, bisogna sfratatre con l’azione pratica ogni giorno le istituzioni italiane ed i suoi dipendenti.

In modo collettivo e più esteso possibile, si deve cessare di supportare lo stato italiano.

Sabotiamo l’Italia con l’azione pacifica di ogni giorno e scacciamoli dalla nostra terra e Repubblica Veneta.

Via l’Italia dalla Repubblica Veneta d’Europa.

veneto indipendente

 

468 ad

One Comment

  1. I love that dress, too. It’s Paul Smith, silk, and it travels with me for those very rare occasions when I need to get dressed up.Thanks for pointing the link problem out. Th8;#&e217yve closed the voting now, so I’ve swapped the link out for a pre-order link…

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LAVORIAMO PER TE, AIUTACI AIUTATI
advertisement