Pages Navigation Menu

Indipendenza!

LUCA AZZANO CANTARUTTI METTE AL MURO L’ITALIA

LUCA AZZANO CANTARUTTI METTE AL MURO L’ITALIA

 

Il più grande penalista Veneto, l’avvocato Cantarutti, mette in ginocchio la costituzione italiana e prepara il materiale che consentirà alle Venezie l’indipendenza. Da notare che questa scintilla è solo l’inizio del crollo dello stato italiano ormai alla deriva. A domino cadranno una ad una tutte le colonie: Tirolo, Sardegna, Sicilia, Napolitania, Val d’Aosta. Il presidente della UE, Barroso, è in perfetta sintonia con lo staff legale di Indipendenza Veneta.

Gli esperti legali di Indipendenza Veneta, affiancati da esperti in diritto internazionale, hanno confutato le testi sostenute all’Ufficio legislativo di Palazzo Ferro – Fini, secondo il quale il referendum per l’indipendenza, sarebbe inammissibile in quanto contrastante con la Costituzione italiana.

“Il nostro Dossier – dichiara l’Avv. Luca Azzano Cantarutti, Presidente di Indipendenza Veneta e coordinatore del team legale – prende le mosse da una disamina della Costituzione italiana che, se è vero che dichiara la Repubblica indivisibile, è stata interpretata con molta elasticità. Emblematico il caso del Trattato di Osimo, che nel 1975 ha visto il Parlamento italiano ratificare la cessione alla Jugoslavia della “Zona B”, territorio italiano. Il totem dell’indivisibilità della Repubblica è crollato sotto i colpi di maglio inferti dallo stesso Parlamento italiano!”.

Ricordiamo come il Presidente dell’Unione Europea, Barroso, ha dichiarato che il Diritto internazionale costituisce il faro di riferimento per la risoluzione delle eventuali questioni che dovessero sorgere nel caso della dichiarazione di indipendenza di un Popolo dell’Unione Europea, avallando così la tesi dei legali di Indipendenza Veneta.

“Abbiamo sia da subito evidenziato a Clodovaldo Ruffato, Presidente del Consiglio Regionale Veneto, come il diritto internazionale (del quale l’art. 10 della Costituzione italiana garantisce il rispetto) suffraghi la legittimità della Dichiarazione di Indipendenza che dovesse essere pronunciata dai rappresentanti del Popolo Veneto. La Corte Internazionale di Giustizia, il 22 luglio 2010, ha chiaramente enunciato questi principi, sui quali abbiamo costruito il dossier giuridico per il Consiglio Regionale Veneto. La presa di posizione di Barroso ci conforta e ribadisce la legittimità della nostra richiesta”

Il percorso delineato da Indipendenza Veneta prende quindi corpo; lo riassume l’Avvocato Luca Azzano Cantarutti: “Abbiamo raccolto le firme dei cittadini per chiedere alle Istituzioni della Regione Veneto di indire il referendum consultivo per capire se i Veneti vogliono rimanere con Roma ovvero se preferiscono raggiungere la propria indipendenza, amministrando le proprie risorse ed il proprio destino. Ora consegniamo ai Consiglieri della Regione Veneto gli strumenti giuridici per indire il referendum nella piena legalità internazionale, pronti ad illustrare ogni aspetto in occasione di una seduta straordinaria del Consiglio Regionale del Veneto dedicata all’indipendenza veneta”.

Zaia e Ruffato sembrano d’accordo sull’autonomia….

“Il tema posto da noi e avvalorato dall’Europa è la possibilità dell’indipendenza, non dell’autonomia, concetto fallito al pari della varie proposte quali il federalismo, la macroregione, ecc…. Chiediamo che il Consiglio regionale del Veneto raccolga tramite il referendum la volontà dei veneti e, qualora fosse favorevole all’indipendenza, i Consiglieri debbono agire di conseguenza”.

Quale conseguenza?

“Per dirla con le parole di Barroso: la DICHIARAZIONE DI INDIPENDENZA DEL VENETO!”

 

468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LAVORIAMO PER TE, AIUTACI AIUTATI
advertisement