Pages Navigation Menu

Indipendenza!

MADE IN USA

MADE IN USA


Le fotografie di un povero idiota autore di una strage rappresentano il prodotto culturale degli Stati Uniti d’America. Gli Usa stanno processando loro stessi e si riempiono di ridicolo. James Holmes il ragazzo che ha preso a fucilate 71 persone il 20 luglio del 2012 credendosi un personaggio dei fumetti, è la parodia in terra della cultura nord Americana.

Quest’uomo rivela tutta la sua idiozia mentale, rivela di essere il prodotto della tv, dei film, degli spot publicitari, della scuola, degli status symbol, del modello economico e sociale made in Usa. Questo idiota è il vero rappresentante di 300 milioni di polli allevati in un recinto di rincoglionimento giornaliero. Quest’uomo è il prodotto finale della cultura di massa made in Usa, e non è assolutamente un degenerato. E’ solo un prodotto culturale, uno fra molti. le sparatorie, i massacri, le orrendità in madrepatria e all’estero sono il prodotto di una cultura schizzata, di una cultura della violenza, di una cultura fantasticheggiante che tiene la popolazione lontano dalla realtà al fine di ottenerne la totale passività e sudditanza. Attraverso la produzone mediatica si cerca di far sentire i cittadini Usa protagonisti della storia. Andate a vedere un film in un cinema degli Usa, andate li in quei luoghi sperduti dove vivono gli americani di terza generazione, quelli veri, ed andate con loro al cinematografo. Ecco noterete come questi idioti applaudono, gridano, si emozionano davanti ad un film perdendo qualsiasi senso della realtà. Si tratta di spettacoli infantili. Gli Stati Uniti d’America sono un asilo gigante, un recinto dove vengono allevati bambini cronici. Ma questo è l’obiettivo di chi è al potere: estraniare e manipolare le masse al fine di poterle schiavizzare.

E’ inutile processare quest’uomo, lui è l’essenza degli stati Uniti d’America. E la corte che lo deve giudicare cerca in tutti i modi di deviare pur di non ammettere che lui è il prodotto finale del brainwashing made in Usa. Eccolo il sogno americano, questo ragazzo ne è l’inpersonificazione.

468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LAVORIAMO PER TE, AIUTACI AIUTATI
advertisement