Pages Navigation Menu

Indipendenza!

MOSCHEE E CHIESE CATTOLICHE: L’IPOCRISIA DI STATO

MOSCHEE E CHIESE CATTOLICHE: L’IPOCRISIA DI STATO

minareto7Lo stato italiano attua tutta una serie di discriminazioni in materia religiosa.

I mezzi di comunicazione di regime discutono se è giusto finanziare la religione islamica al pari di quella cattolica, se è giusto concedere spazi pubblici per costruire moschee, se è giusto spendere denaro pubblico per finanziare la chiesa islamica al pari di quella cattolica.

Queste discussioni sono fuorvianti, per fare un esempio, è come se discutessimo se è più lecito dare da mangiare ad uno schiavo oppure no! E’ chiaro a tutti che la schiavitù non deve esistere e che di certe cose non si discute.

Ecco, in egual modo, è assurdo discutere quanto e quante religioni lo stato deve finanziare. E’ ora di smetterla di finanziare le religioni in qualsiasi modo o forma. Lo stato deve essere 100% laico e tutte le religioni debbono essere trattate al pari delle associazioni culturali, folcloristiche, storiche….si devono autofinanziare e debbono smetterla di ciucciare denaro pubblico.

Lo stato non deve ne aiutare ne finanziare la religione islamica e nemmeno quella cattolica, non deve interessarsene. Questa è l’unica sostanza che i mezzi di comunicazione di regime evitano di accennare, perchè oltre ad essere pilotati dalle lobbies religiose, i giornalisti, hanno i paraocchi altrimenti non avrebbero e non farebbero carriera a stipendio statale.

468 ad

One Comment

  1. I muslims sono il 2% della popolazione (in ‘italia’ e sono pretenziosi come se fossero maggioranza. Nessun’altro gruppo religioso si permette la tracotanza tipica dei musulmani. Aggiungend poi che in Islamia (dicasi maghreb e medio oriente) gli appartenenti alle altre religioni ed i non religiosi li ammazzano.

    Ma poi questo (sui muslims almeno) non succede solo in Italia. Vedi l’Inghilterra, stato laico. Tranne quando si tratta dei musulmani. Si prendono la scusa che ‘poverini, loro sono più sensibili!’

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LAVORIAMO PER TE, AIUTACI AIUTATI
advertisement