Pages Navigation Menu
costo colpi di sole uomo

Indipendenza!

IL VALORE DELLA NOTIZIA E QUELLO DEL MEZZO DIFFUSORE

Posted on Mag 6, 2014

  Durante il referendum per l’indipendenza del Veneto del 16-21 marzo 2014, i mezzi di comunicazione pubblici, quelli finanziati con il denaro estorto alla popolazione e controllato dai partiti, censurarono completamente la notizia. La popolazione venne informata attraverso la rete web, attraverso il passaparola, attraverso manifesti, attraverso milioni di volantini e lettere, attraverso spot pagati dai volontari su canali informativi privati, attraverso dibattiti pubblici sul territorio Veneto. Diventò evidente a tutti, che i mezzi di comunicazione di regime censuravano la notizia, e la popolazione iniziò a cercarla attraverso mezzi alternativi allontanandosi da quei canali che l’avevano bloccata. In quel momento la notizia acquistava valore proprio perchè censurata e allo stesso tempo i mezzi che la censuravano perdevano quote di odiens e credibilità, perdevano valore agli occhi di chi ancora non si era svegliato. Questa situazione ha portato centinaia di...

Read More

MEZZI DI COMUNICAZIONE DI REGIME E REFERENDUM

Posted on Mag 6, 2014

  Nel referendum per l’indipendenza del Veneto del 16-21 marzo 2014, i mezzi di comunicazione di regime italiani hanno dato prova al mondo della situazione in materia di informazione e libertà. Tutti i mezzi di comunicazione italiani hanno silenziato l’evento fino a che la popolazione informata nel porta a porta collettivo e attraverso il web e canali privati, ha capito che siamo in un regime di censura. La popolazione che voleva sapere ha cominciato ad informarsi su canali alternativi ed ha capito che per sapere bisognava uscire dalla gabbia: tv/radio/giornali italiani. La popolazione ha incominciato a dar valore alla notizia e ha capito che dentro la gabbia italiana non si poteva usufruirne. In quel momento per non perdere di credibilità, i mezzi di comunicazione del regime italiano sono stati costretti a parlarne, sono stati costretti a dare informazioni. Come...

Read More

MURI PSICOLOGICI ED INDIPENDENTISMO

Posted on Mag 6, 2014

  Che cosa c’è dietro le parole: “E’ impossibile”, “Non ce la faremo mai”? Che cosa porta un essere umano, un cittadino a produrre questi pensieri ed esclamazioni? La risposta è semplice, scontata, e lo è ancor più quando non esistono più ostacoli se non i pregiudizi che abitano le nostre menti. Avete vissuto una vita da schiavi fin quando all’asilo vi obbligavano a parlare italiano, quando alle elementari vi sbattevano la mappa dell’italia gigante sul muro, quando vi facevano ripetere la storia di roma a memoria, quando Dante, Foscolo e Manzoni vi hanno trapanato il cervello, quando con un errore di doppia vi beccavate l’insufficienza nello scritto, oppure quando vi sorbivate le telenovela con i soliti eroi italiani o tutte le volte che danno le previsioni del tempo al solo scopo di rinnovare in voi attraverso la mappa...

Read More

LA GUERRA MEDIATICA

Posted on Mag 6, 2014

  I regimi occidentali ed anche quelli orientali, hanno instaurato una dittatura della mente, una dittatura del consenso. Ci sono dei muri invisibili che vi tengono incatenati senza che ve ne accorgiate. Queste catene per la vostra mente sono il prodotto quotidiano che la scuola, la tv, la radio, i giornali fanno fin dal giorno della vostra nascita. Guardacaso tutti questi mezzi di indottrinamento sono praticamente monopolio dei partiti politici, dello stato, delle religioni, in taluni casi di quei gruppi economici che vi vendono prodotti e a cui serve il vostro consenso per spogliarvi e schiavizzarvi attraverso un mutuo, un leasing od un qualsiasi prestito. Fino a che siete bambini non potete scegliere, il mondo vi viene messo davanti e finite per credere a ciò che vedete. Quando si cresce però si può cambiare canale, anzi si può spegnere...

Read More

DOCUMENTARE IL SILENZIO SUL REFERENDUM PER L’INDIPENDENZA DEL VENETO

Posted on Mag 5, 2014

  Che rumore fa il silenzio? Sembra un paradosso, come è possibile documentare il silenzio? Come è possibile documentare ciò che non viene detto? Quale traccia lascia il silenzio? I mezzi di comunicazione italiani e veneti che ricevono il finanziamento pubblico: radio, giornali, tv.. persino giornali e siti venetisti che ricevono soldi da istituzioni e partiti dello stato, persino loro silenziano il referendum del 16-21 marzo. Il silenzio si descrive da solo, è l’assenza dell’informazione è la disinformazione. Le tecniche variano: -saturazione con notizie inutili, stupide, cronache insignifiicanti che occupano tutti gli spazi impedendo la visibilità di ciò che realmente accade -la censura di fatti significativi -la menzogna -la parzialità in cui si da rilevanza ad aspetti negativi, ignorando qualsiasi fattore positivo -la confusione che si cerca di generare adoperando in modo confuso simboli parole personaggi -l’affiancamento a cose...

Read More

REFERENDUM 16-21 MARZO: SCREDITARE PER INVALIDARE

Posted on Mag 4, 2014

  Che cosa restererà alle missioni spaziali dopo che qualcuno avrà messo la bandiera sul più lontano pianeta del sistema solare: Plutone? Il Referendum del 16-21 marzo ha messo la bandiera sull’ultima collina del processo di liberazione della nostra terra. 1)Abbiamo dichiarato la nuova Repubblica Veneta, 2)Abbiamo ottenuto la legittimità con un referendum popolare a cui hanno partecipato ben oltre la maggioranza assoluta dei votanti del Veneto. 3)Abbiamo rispettato il diritto: internazionale, Veneto, italiano. La gente è stata libera di votare ed pur ostacolati dal silenzio e sabotaggio di politici Veneti e mezzi di comunicazione, siamo riusciti a raggiungere la popolazione per informarla. 4)E come non bastasse, la popolazione ha votato con un esito che non lascia dubbi o spazio a critiche. 5)Tutta la documentazione è a disposizione delle autorità italiane, europee e mondiali, ciò che è avvenuto è...

Read More

UKRAINA: LE BUGIE DELLA STAMPA ITALIANA

Posted on Mag 4, 2014

La popolazione dell’Ukraina dell’est sta combattendo contro le squadre della morte e dell’esercito di Kiev. Donne uomini bambini bloccano i carri armati. Il governo golpista di Kiev, supportato e finanziato dagli Stati Uniti d’America e la Nato, adopera gli elicotteri e gli aeroplani per attaccare la popolazione civile e violare i diritti umani. La situazione è vergognosa. La stampa italiana mente, nasconde. Ecco alcune foto di ciò che sta succedendo. Le squadre della morte di Kiev stanno torturando, sequestrando, ammazzando, terrorizzando la popolazione che non vuole saperne di un governo golpista e militare filonazista come quello di Kiev. Queste sono foto che la stampa italiana non vi farà mai...

Read More

IL LATTE COOP: COME AVVELENARE I VOSTRI FIGLI

Posted on Mar 2, 2014

Le autorità sanitarie tacciono, se poi viene fuori qualche irregolarità comminano multe ma tacciono. Noi che non abbiamo sponsor, noi che non abbiamo paura delle intimidazioni della macchina mafio-legalizzata italiana fatta di magistrati e prefetti, vi diciamo la verità, vi diciamo cosa vediamo e cosa sta succedendo nello stato italiano. Dall’Islanda si può anche dire, qui c’è la libertà e non abbiamo paura delle autorità italiane! Oggi vi raccontiamo che cosa bevete quando comperate il latte. Non vogliamo diffamare un marchio, ma diciamo che cosa ci è accaduto più volte, e come le autorità sanitarie e mezzi di comunicazione sienziano. Abbiamo acquistato per alcuni mesi il latte a breve conservazione (fresco) marchio coop. Potete comperarlo nelle Coop. nessuno ve lo dice, ma è lo stesso che prima chiamavano Parmalat, quello che faceva venire le tette ai bambini, quello che...

Read More

CHI DISPREZZA SFRUTTA: ITALIANI E VENETI

Posted on Mar 2, 2014

Come possono gli statali guardarsi allo specchio ogni giorno ed andare fieri di parassitare un intero sistema, di non essere mai puniti per gli errori, per l’incompetenza, per le raccomandazioni e ruffianerie di cui sono partecipi? Come possono essere fieri di cio che sono e fanno, senza poter incriminare e disprezzare qualcuno? In tutte le società schiaviste e razziste, l’oppresso è sempre dipinto come la causa di tutti i mali, questo è l’alibi che permette all’oppressore di giustificare il suo ruolo di sfruttatore e di carnefici. Nella Germania nazista erano gi ebrei, nella Turchia assassina i Greci, gli Armeni i Kurdi, negli Usa di qualche decennio fa gli Afroamericani…… Nel Nord Korea accettano la fame e le sofferenze credendo che il sud Korea è il peggiore dei mondi possibili. Negli Stati Uniti d’America la popolazione vive completamente idiotizzata, mangiando...

Read More

IL QUORUM NON SERVE!

Posted on Feb 21, 2014

Cos’è il quorum di partecipazione? Il quorum è il numero di partecipanti necessario perché una votazione sia considerata legalmente valida e ciò non si applica solo ai referendum. Nel referendum per l’indipendenza del Veneto non serve. Non serve per il diritto internazionale, non serve neppure per quello Europeo ed ancor meno per quello italiano. Vediamo adesso come ci si comporta in molte parti del mondo. I referendum non prevedono il quorum in paesi con lunga storia democratica: Francia,  Gran Bretagna, Irlanda, Paesi Bassi, Islanda, Spagna, Malta, Lussemburgo, Finlandia, Austria, oltre che ovviamente nella patria dei referendum, la Svizzera (dove è richiesta la maggioranza dei votanti e dei cantoni) e il Lichtenstein. Negli USA non esiste il referendum a livello federale, ma i 27 stati USA che lo prevedono, hanno quorum zero. Anche in Nuova Zelanda, altra nazione che ricorre...

Read More

IL QUORUM NEL REFERENDUM PER L’INDIPENDENZA DEL VENETO

Posted on Feb 18, 2014

Qualcuno dice che per validare il referendum per l’Indipendenza del Veneto, serve che almeno il 50% della popolazione voti. Qualcuno parla del 75%, qualcun altro del 90%! La risposta la diamo con una domanda: “A molte tornate elettorali, regionali, provinciali, comunali, europee, nazionali…. non viene raggiunto neppure il 50% o addirittura il 40% dell’affluenza. Qualcuno ha mai annullato quelle elezioni?” Chi non andrà a votare, chi non parteciperà al referendum per l’Indipendenza del Veneto o per la permanenza sotto dominazione italiana, vuol dire che per lui è indifferente essere cittadino di uno o dell’altro, vuol dire che per lui va bene uno o l’altro. Se poi andiamo a vedere quanti cittadini poterono partecipare al referendum organizzato dall’italia nel 1866, allora ci rendiamo conto in che modo per 148 anni siamo stati...

Read More

REFERENDUM A CONFRONTO 1866-2014

Posted on Feb 18, 2014

Quale è la differenza fra il referendum organizzato dal Regno di Savoia nel 1866 e quello organizzato dal Plebiscito oggi nel 2014? La dinamica fu l’esatto contrario di quanto avviene oggi. I carabinieri invasero il Veneto, puntarono le armi sulla popolazione obbligandola a legittimare l’invasione, si tratta dell’esatto contrario del metodo democratico. Noi Veneti, noi Popolo Veneto oggi ne 2014, prima ci riprendiamo la legittimità della nostra libertà in modo visibile, democratico, libero, senza costrizioni, senza intimidazioni tipiche piuttosto di enti come Equitalia…… Illustriamo a confronto le differenze: Nel 1866 i carabinieri invasero il Veneto ed intimidirono la popolazione Nel 2014 osservatori internazionali monitorano che tutto avvenga senza cosstrizioni Nel 1866 le donne non potevano votare e neppure i maschi contadini Nel 2014 possono votare tutti Nel 1866 il voto non era segreto e la popolazione aveva paura Nel 2014 il voto è...

Read More

IL REFERENDUM COME ATTO DI TRASGRESSIONE LEGALE

Posted on Feb 18, 2014

Il referendum per l’indipendenza del Veneto è un atto legale in cui ogni Veneto che voterà “si”, effettuerà un atto di trasgressione verso quel conformismo e lavaggio del cervello che ha subito fin dalla nascita. Votare “si” vuol dire liberarsi dei sacri confini, vuol dire liberarsi del mito di morire per la patria, vuol dire liberarsi del timore e riverenza verso l’arma dei carabinieri, vuol dire dire basta alla guardia di finanza ed alla gestione economica e civile che l’esercito compie da 150 anni sulla popolazione Veneta, vuol dire dire no a Equitalia, vuol dire ribellarsi alla banca d’Italia, vuol dire dire basta ad enti italiani fatti da fannulloni che non pagano mai per i loro errori, vuol dire non credere più ai Monti, ai Napolitano, ai Bersani, ai Letta e Renzi di turno, vuol dire dire basta ad...

Read More

IL MURO DI BERLINO: UN ATTO ECLATANTE DI DELEGITTIMAZIONE

Posted on Feb 17, 2014

Il muro di Berlino divenne durante gli anni della guerra fredda il simbolo occidentale dell’oppressione del regime Sovietico, un pò come oggi per alcuni il Pentagono simboleggia l’imperialismo del regime Statunitense. Abbattere il muro di Berlino ebbe un significato straordinario di delegittimazione e di trasgressione. Più grande è il livello di trasgressione e maggiore è la delegittimazione che si compie. Quando poi un muro separa due città, separa una comunità con grandi affinità storiche e culturali, allora tutti simpatizzano con i trasgressori. È come quando vengono assaltati dalla folla i palazzi del governo ed il presidente ed i suoi ministri fuggono in elicottero. La presa della Bastille durante la rivoluzione Francese, la presa del Palazzo d’Inverno nella rivoluzione Russa, la rivolta di Boston nella rivoluzione Americana, sono gli episodi che la storia ha fatto passare come significativi. Alcuni lo...

Read More

PERCHÉ I POLITICI VENETI HANNO PAURA DEL REFERENDUM?

Posted on Feb 17, 2014

I politici invidiosi millantano la forza che questo referendum ha. Si tratta di invidiosi che intuiscono la forza di questa consultazione popolare e ne sono fuori perchè vivono di e nel privilegio italiano. I politici pensano alle tornate elettorali Europee ed italiane, perchè c’è il montepremi delle sedie del privilegio, degli stipendi d’oro, delle cariche… Un Veneto Indipendente rappresenta per loro la fine di una vacca da mungere. Questi personaggi perderanno il vitalizio, tutto verrà rimesso in gioco, terminerà la loro rete di scambi fra politica ed amministrazione, terminerà il reddito acquisito da posizione e le cariche multiple, verrà a cadere l’immunità di cui godono. In questo referendum, il popolo non delega dei politici a prendersi uno stipendio, non delega il potere di governare e lucrare sulla pelle dei votanti, questo referendum non dà posti di lavoro e favori....

Read More

ESERCITARE L’INDIPENDENZA: QUANDO DISOBBEDIRE ALLA LEGALITÀ ITALIANA DIVENTA DIRITTO PER I VENETI

Posted on Feb 17, 2014

Una volta terminato il referendum, e che tale referendum per l’indipendenza abbia dato esito positivo, ai Veneti resterà il compito di esercitare la propria libertà. Facciamo un esempio: Uno schiavo in catene nel momento in cui ottiene la sua libertà formale, cioè nel momento in cui enuncia e proclama il suo diritto naturale alla libertà, deve anche esercitare questo suo diritto, non solo togliendosi le catene, ma liberandosi della dipendenza dal padrone. Può essere un uomo libero sotto l’aspetto formale ma restare nella sostanza schiavo senza esercitare la sua libertà e continuare a comportarsi da schiavo lavorando per il suo vecchio padrone con una paga da fame. Uscendo dalla metafora: il Veneto con il referendum proclama al mondo la sua libertà come un uomo che va davanti al giudice e formalizza la sua intenzione di separarsi dalla moglie, come...

Read More

ECCO PERCHE CI VUOLE LA RIVOLUZIONE!

Posted on Feb 16, 2014

Guardate il grafico allegato, la banca d’italia è la fonte. Nel corso degli anni il reddito dei giovani è calato e coloro che dovrebbero fare una famiglia si ritrovano miseri con redditi più bassi dei vecchi pensionati. Questo è un paradosso perchè le generazioni produttive vengono messe al muro, non figliano, non hanno speranza e vengono sfruttate all’inverosimile. I vecchi distruggono la società e lo possono fare perchè sono una massa di voti abnorme e i politici, anche loro vecchi, ne approfittano e si garantiscono il privilegio in uno scambio che dura da mezzo secolo. I vecchi invadono la politica, invadono ogni luogo di potere, ogni ufficio, hanno tutto: magistratura, prefettura, potere politico, finanziario, consigli di amministrazione, sedie illustri, giornalisti, acacdemici, generali, colonnelli… Quello che è successo è che tutto è stato dato ad una generazione che è in...

Read More

UN TRIO FORMIDABILE DICE SI AL REFERENDUM: Benetton, Rosso, Baggio!

Posted on Feb 16, 2014

Luciano Benetton, Lorenzo Rosso e Roberto Baggio hanno detto si al referendum per l’Indipendenza del Veneto. Assieme a loro molti altri Vip del nostro Veneto si sono aggregati. I primi due non vogliono delocalizzare, vogliono poter lavorare e creare ricchezza per il Veneto e per i Veneti senza dover più subire le angherie di un’ italia criminale. Robertino (Baggio) invece ricorda ancora quando fu escluso dalla nazionale italiana perchè era Veneto e non faceva parte dei grandi club. A giorni tutto il Chievo e le squadre di calcio Venete si pronuncieranno a favore del referendum perchè da decenni subiscono l’ingiustizia di un campionato di calcio truccato e di una federazione del calcio italiana fatta di corrotti a cominciare dagli...

Read More

IL VENETO CON LE STRADE BUCATE COME L’EST EUROPA QUANDO CROLLÒ IL MURO

Posted on Feb 16, 2014

Il Veneto la terra più ricca d’Europa sta soffrendo un massacro etno-economico che l’italia si ostina a perpetrare. Le avete viste le automobili della Germania dell’est di 24 anni fa? Anche qui in Veneto diventano sempre più piccole, la gente è senza soldi e le proporzioni delle automobili si riducono. Le strade incominciano a svuotarsi perchè la benzina costa troppo, perchè l’italia mette tasse su tutto. Le case abbandonate con i cartelli “vendesi” sono ovunque. I buchi nelle strade danneggiano le sospensioni, le ruote come avveniva in est Europa 20 anni fa. Ve la ricordate la Romania, la Russia, la Cechia, la Polonia, la Jugoslavia? Le strade erano bucate perchè non c’erano i soldi per ripararle, al massimo si tappavano i buchi. Ve lo ricordate i corsi d’acqua straripavano perchè da anni non c’erano le risorse per pulirli e...

Read More

LUCA ZAIA E I DANNI DEL DILUVIO DI VICENZA

Posted on Feb 16, 2014

Vi riportiamo poche righe che narrano la vicenda di una delle decine di migliaia di persone vittime dell’incapacità e malafede di Luca Zaia ed i suoi servetti. Questo povero Veneto non è mai stato risarcito mentre il governatore del Veneto in questi 40 mesi dal disastro ha già portato a casa oltre 600.000 euro di stipendio e fatto spendere alla regione per difendersi da chi lo accusa di incompetenza oltre 100 mila euro! E Luca Zaia attuale governatore di un Veneto disastrato si vuole presentare alle Europee! Ecco la testimonianza di un Veneto vittima dell’alluvione del 2010: Campi distrutti, l’azienda da risistemare dopo l’alluvione del 2010 in VENETO . Un agricoltore ottantunenne di Castello di Godego TV Bruno Gerolimetto, dopo la tragedia l’uomo aveva fatto i conti dei danni dopo che il MUSON era straripato distruggendo le sue coltivazioni...

Read More

ENRICO POLO A SPASSO PER L’EUROPA CON LA BANDIERA VENETA

Posted on Feb 16, 2014

Enrico Polo sta girando tutta l’Europa dal nord al sud con il gonfalone del popolo Veneto e ha deciso di esporlo sistematicamente in tutte le competizioni sportive dove lo potete vedere in Eurovisione nelle dirette tv dello sport europeo. Danimarca, Svezia, Norvegia, Francia, Belgio, Olanda, Germania, Austria, sud Tirolo, Veneto, Spagna e Russia. È sempre lui, Enrico, appostato come un segugio con la bandiera Veneta nei posti dove le telecamere sono obbligate a riprenderla, negli arrivi, nelle partenze, nei luoghi chiave visibili. In Europa lo conoscono come il leone del ciclismo Veneto, vincitore di molte gare ciclistiche internazionali ed oggi traino a tempo pieno dell’indipendentismo Veneto...

Read More

È PROIBITO SCRIVERE CHE L’ITALIA È FALLITA

Posted on Feb 16, 2014

Vi alleghiamo un articolo che sta facendo il giro del mondo. Nel 2011, noi e tutta la stampa mondiale scrivemmo la pura verità e cioè che lo stato italiano è fallito. La notizia veniva silenziata in tutta la stampa italiana e in pochi fecero in tempo a vendere le azioni, le obbligazioni, i bot, i fondi pensione, i titoli assicurativi e fondi comuni made in italy, quelli cioè che vi hanno rifilato le banche del vostro paese attraverso direttori farabbutti e consulenti finanziari ben profumati, tutti si intende coadiuvati da bilanci fasulli che la banca d’Italia ha sottoscritto. La gente furba ha venduto tutto ed ha portato i soldi all’estero, ma milioni di vecchi che leggono il Gazzettino o Repubblica o guardano la Rai e Mediaset, sono rimasti con il due di coppe in mano ed oggi incominciano a...

Read More

A CHE COSA E PERCHÉ SERVE IL REFERENDUM PER L’INDIPENDENZA?

Posted on Feb 5, 2014

Serve a due cose: 1)Dare ai Veneti dei rappresentanti legittimati ad intavolare le trattative internazionali per creare la nuova Repubblica Veneta, libera ed indipendente senza più bisogno o sotto dominazione italiana. E’ proprio il voto diretto del popolo che legittima i rappresentanti, li legittima a discutere come il Popolo Veneta godrà della propria libertà assieme agli altri popoli della terra. La discussione non verterà sulla legittimità della libertà del Popolo Veneto, quella sarà esercitata attraverso il Referendum. 2)Il votare per un “si” od un “no”, rende pienamente legittima la delega data ai rappresentanti del popolo, perchè è una delega diretta su un argomento preciso. Non si tratta di una delega generica come quella elettorale in cui si da potere a qualche politico di discutere del più e del meno. Il perché del referendum, o meglio la necessità di farlo...

Read More

L’INPS È FALLITA: L’ITALIA VI HA FREGATO

Posted on Feb 5, 2014

Pubblichiamo i dati. Non c’è più nulla da commentare, le fonti fra l’altro sono italiane. Le conseguenze a breve: chi ha la pensione gli verrà ridotta di almeno la metà, chi non ce l’ha non l’avrà. Tutti i vostri soldi e contributi se li sono mangiati. La cassaforte a Roma è vuota!   Quanto incide la spesa pensionistica sul Pil ANNO INCIDENZA % 2010 11,50 % 2011 11,51 % 2012 11,60 % 2013 16,21 %   La situazione patrimoniale dei principali fondi previdenziali CATEGORIE E MILIARDI DI EURO Lavoratori dipendenti -119,4 Coltivatori diretti -80,1 Artigiani -48,2 Commercianti 1 Parasubordinati 96,7 Gestione speciale dipendenti della Pubblica amministrazione -37,7 Gestione prestazioni temporanee ai lavoratori dipendenti 179,9 Totale gestioni previdenziali -3,8 mld Fonte: Bilancio di previsione 2014 Inps   L’erosione del patrimonio Inps negli ultimi anni ANNO MILIARDI DI EURO 2009 41,5...

Read More

VOGLIO DIVENTARE UN PROFUGO: LETTERA AL PREFETTO DI VICENZA

Posted on Feb 5, 2014

Buondì signor Eugenio Soldà Vorrei mantenere anonima la mia identità perchè mi vergogno a dire che vivo nella miseria, perchè non ho la sfacciataggine di quegli Africani che con il sorriso accattonano e chiedono soldi per le strade e che oltre a sussidi, disoccupazioni, cibo, paghette, case popolari, aiuti e compassioni di ogni genere da parte vostra, invadono la nostra terra a fare la carità arrotondando a cifre considerevoli il mensile! Io non ho la disoccupazione, neppure la cassa integrazione, neppure la mobilità ed invidio gli zingari che prendono lo stipendio, invidio i profughi che di politico hanno ben poco ma a cui date tutto ed anche alle loro famiglie. Io sono Veneto, io non ho la fortuna di essere un profugo! Io facevo l’imprenditore come decine di migliaia di miei colleghi Veneti. Sono uno di quegli evasori maledetti...

Read More
LAVORIAMO PER TE, AIUTACI AIUTATI
advertisement